Articoli

Garanzia Giovani: le modifiche del Decreto

Ieri è stato pubblicato il Decreto 11 del 23 gennaio 2015 della Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione del Ministero del Lavoro. Il Decreto modifica la disciplina anche in virtù delle richieste avanzate dalle Regioni.

Una importante modifica introdotta dal Decreto riguarda l’estensione al contratto di apprendistato professionalizzante, o contratto di mestiere, del bonus occupazionale previsto per i contratti a tempo indeterminato, mentre vengono confermati gli altri incentivi per il contratto di apprendistato per la qualifica, per il diploma professionale e per quello di alta formazione e di ricerca. Quindi, il datore di lavoro che assume un giovane con contratto professionalizzante o di mestiere, si vedrà riconosciuto un incentivo tra 1.500 e 6.000 euro (a seconda della fascia).

Altra modifica consiste nel computo delle proroghe del contratto a tempo determinato ai fini del raggiungimento dei sei mesi utili per il riconoscimento del bonus. Restano invece esclusi dal bonus i contratti a tempo determinato che raggiungono la durata di sei mesi per effetto di rimborsi anche senza soluzione di continuità.

Il Decreto consente di poter cumulare il bonus occupazionale di Garanzia Giovani con altre forme di incentivazione (economica o contributiva), purchè la somma di tutti gli incentivi non superi il 50% dei costi salariali; quindi il bonus di Garanzia Giovani sarà cumulabile con quello previsto dalla Legge di Stabilità, nonché con qualsiasi altra misura di incentivazione all’assunzione di giovani finanziati dalle Regioni.

Il Decreto, inoltre, elimina l’esclusione del bonus alle assunzioni realizzate attraverso la somministrazione di lavoro, qualora l’agenzia per il lavoro fruisca di altre forme di remunerazione per attività di intermediazione e accompagnamento per la stessa assunzione.

 

E’ attesa una circolare INPS che vieterà il cumulo, a favore dell’agenzia, della misura prevista per l’accompagnamento al lavoro e del bonus occupazionale, ma consentirà che per la stessa assunzione la misura dell’accompagnamento sia destinata all’agenzia e il bonus sia destinato all’utilizzatore.

 

FONTE:

 

IL SOLE 24 ORE – “GARANZIA GIOVANI, PREMIO ALL’UTILIZZATORE”